La Grecia – L’alimentazione a Creta

La dieta mediterranea è attualmente considerata dai nutrizionisti come un modus vivendis che dota le persone di longevità e buona salute, con Creta al suo epicentro, come è supportato da ricerche condotte su scala internazionale. La storia della dieta cretese è molto antica, le sue radici affondano nel Neolitico. Sulla base dei reperti archeologici, sembra che gli antichi Cretesi, i Minoici, consumassero più o meno gli stessi prodotti che vengono consumati da Cretesi moderni oggi: olio di oliva, cereali, legumi e miele. Durante il periodo bizantino, i Cretesi rimasero fedeli alla dieta ereditata e alle abitudini di cottura. Un punto di svolta nella dieta cretese avvenne con l’introduzione di nuove colture, in particolare del pomodoro dal Nuovo Mondo. I Cretesi consumano molta frutta, verdura, prodotti freschi, legumi, formaggio e pane. I Cretesi usano le erbe per insaporire i loro pasti: fanno dolci / torte con dolcificanti naturali, miele e sciroppo di succo d’uva, mentre l’eccellente vino locale è un accompagnamento indispensabile per i loro pasti. I Cretesi non mangiavano carne fino a pochi decenni fa. La carne ha sempre avuto una funzione rituale a Creta e in generale in Grecia. Nei tempi moderni la carne si consumava solo un paio di volte l’anno, vale a dire durante le festività o, ​​se si era abbastanza ricchi, ogni domenica. I Cretesi sono ben consapevoli dei benefici per la salute derivanti dal consumo moderato di vino, ma questo è parte integrante della loro cultura: il buon vino è un accompagnamento perfetto per ogni cena. Il consumo di vino non è una pratica solitaria, ma va di pari passo con gli eventi sociali, la buona compagnia e il cameratismo. Il consumo di formaggio a Creta è il più elevato a livello mondiale. Il gusto del formaggio cretese è insuperabile: la groviera e le sue varietà (kefalotyri, kefalograviera), il formaggio morbido agrodolce e gli altri prodotti caseari. Il formaggio cretese gioca un ruolo significativo nella dieta cretese quale fonte importante di calcio e di proteine ​​ad alto valore biologico. Ciò che distingue la dieta cretese da qualsiasi altro tipo di dieta mediterranea è la quantità significativamente più elevata di consumo di frutta. È stato stimato (da A. Keys, 1970 e D. Kromhout, 1989) che il cretese medio consuma quattro volte più frutta rispetto alla media dell’Europeo meridionale e sei volte di più rispetto all’Europeo del nord. L’inglese Robert Pashley (1834) fu colpito dalla pagnotta di pane nero fatta dai monaci di Creta. Era fatta da grano, orzo e segale. Le fibre contenute nel pane tradizionale cretese contribuiscono ad aumentare il buon funzionamento dell’intestino, in particolare del grande. Il pane integrale è ricco di vitamine, in particolare del complesso B, indispensabili per il corretto funzionamento del sistema nervoso. Fino ai decenni  più recenti i Cretesi hanno consumato solo pane nero, mentre il pane bianco (senza crusca) veniva consumato solo cinque o sei volte l’anno, a Natale, Pasqua, durante le festività religiose, il 15 agosto e in occasione di eventi sociali. A Creta si trovano grandi panini duri a forma di dado, di solito pre-affettati orizzontalmente a metà. A Creta, l’uvetta e il mosto, insieme al miele, costituiscono i più importanti dolcificanti tradizionali. I vitigni di Creta producono alcune varietà ideali di uva che possono facilmente essere trasformati in uva passa. L’uvetta è consumata sia cruda o mista in varie altre preparazioni, ad esempio torte, panini, dolci o in combinazione con altra frutta secca. Questi deliziosi dolci e prodotti da forno contengono il minimo di sostanze grasse e sono senza colesterolo. Il miele di Creta è completamente naturale ed è prodotto in regioni sede di vegetazione endemica. Il sistema biologico di Creta è ricco di piante endemiche, in particolare erbe. Creta produce il miele più aromatico del mondo e ha prodotto miele fin dai tempi preistorici. Un’altra caratteristica della dieta cretese è il grande consumo di verdure e altri prodotti di origine vegetale. Tra questi il pomodoro, che ha rivoluzionato la cucina cretese e plasmato il carattere della dieta cretese così come la conosciamo oggi. Altri prodotti agricoli di Creta quali cetrioli, zucchine, ecc., vengono coltivati ​​nelle lussureggianti valli dell’isola, per le condizioni climatiche più favorevoli. Prodotti da giardino sono coltivati nelle regioni costiere meridionali di Creta, soprattutto a Ierapetra, Messera, a sud di Rethymno, nella zona costiera di Selino, Kisamo e altrove.

  

Ricordiamo infine, le più famose ricette cretesi a base di cereali: Dacos; Kalitsounia; Mizithropita; maccheroni; Pies da Sfakià; Patty da Hania, Xerotigana; Patouda …

[Testi da: “Cretan Nutrition, ed. 2008-2009; supervisione: Rena Rodalaki; texts: Chambers Commerce and Industry of the Four Prefectures of Crete; immagini: Fanis Manousakis, Paris Chamourikos, Fotis Serfas]